servizio clienti

31 marzo 2006 alle 18:03 | Pubblicato su Diario | 1 commento

io: salve scusi per l'ennesima volta ho un problema con la linea, lampeggia la lucetta dell'adsl e non si connette più il router.

operatore: ora controllo signora,….., a noi risulta tutto ok.

io: come sempre e poi resto 45 giorni senza linea ma questa volta sto facendo un corso on line, entro martedì devo accumulare 32 ore di connessione se non risolvete vi denuncio.

operatore: è un errore di periferica

io: ??? faccia come vuole, periferica, periferia… mi risolva il tutto per favore.

operatore: facciamo così se il tecnico è di zona per domani è tutto risolto

io: lo spero per voi, grazie. click

operatore: click

E la linea tornò 

Infantilismi reconditi, poco reconditi.

30 marzo 2006 alle 17:03 | Pubblicato su Diario | 1 commento

Odio arrivare in un posto e trovarci qualcuno che assolutamente non volevo vedere.
A quel punto me ne vado io.

Puffo brontolone, anzi Puffetta.

30 marzo 2006 alle 05:03 | Pubblicato su Diario | Lascia un commento

sono confusa, stanca e perplessa.
E' tutto così in forse, tutto così precario… odio non sapere e non poter prevedere.
Che nottata de mmmerda.

Today

29 marzo 2006 alle 07:03 | Pubblicato su Diario | Lascia un commento

Sono in piedi da un pò, ho preparato la scaletta degli elaborati da produrre per raggiungere i 50 crediti, ho scelto dei lavori un pò difficili ma interessanti… almeno ad avere una motivazione insomma…

Dopo i primi 4-5 di panico post assegnazione definitiva sono tornata in me ma ho subito trovato altri simpatici motivi per farmi rodere il culo ma chiaramente si va avanti. Con tutto quello che ho da fare, con tutto quello che fino ad oggi mi è capitato e con tutto quello che mi è stato gufato passerò almeno tutto aprile e metà maggio oberata di lavoro chiusa in casa. E dai su… che non vedevi l'ora che mi pigliasse il momento di "stress acuto" anche a me.

al volo

27 marzo 2006 alle 12:03 | Pubblicato su Diario | Lascia un commento

torno ora da scuola… che strana sensazione…

scappo al corso, al ritorno un post. 

24 marzo 2006 alle 21:03 | Pubblicato su Diario | 3 commenti

Mi sento come una calamita, che però attrae merda.

eh va bè

24 marzo 2006 alle 16:03 | Pubblicato su Diario | Lascia un commento

Il sospetto si è verificato fondato.

Dopo 7 anni sono stata trasferita in un’altra scuola… mi sento morire.

Per ora, per un po’

24 marzo 2006 alle 07:03 | Pubblicato su Diario | 1 commento

Tempo

22 marzo 2006 alle 07:03 | Pubblicato su Diario | Lascia un commento

Il tempo è fatto di assenze
il tempo impone distanze…

Di cosa è fatto il mio tempo? Per oggi, per questa notte, è stato distanze in tutti i sensi. Fisiche e mentali. Ho riflettuto molto sulle cose “così come stanno”, ho fatto quello che forse comunemente è chiamato “l’esame di coscienza” e mi sono trovata ancora una volta sbagliata. Presa con le mani nel sacco, le mani sporche di marmellata insomma. I miei errori degli ultimi mesi, delle ultime settimane e anche degli ultimi giorni, questa volta hanno un peso molto grosso ma per me. Forse per gli altri non sono neanche errori, purtroppo lo sono per me.
Sto vivendo un disagio molto grosso in questo periodo e so  perchè. Quando parlo di errori non so bene a cosa mi riferisco, forse a comportamenti non adeguati nei confronti “degli altri”. Aver scritto a Giuseppe, non è stata una delle mie idee migliori, averne riparlato così tanto, così nel dettaglio, aver ricordato,ripreso, rilasciato il discorso non è stato sano. Soprattutto quando si viene liquidati in 4-5 righe. Forse, ora, è il momento di fare un passo indietro.
Ci penserò.

Altra notte

22 marzo 2006 alle 05:03 | Pubblicato su Diario | Lascia un commento

insonne e pensierosa.

Qualche problema sul lavoro, l’intervento che… come cazzzzo faccio con scuola? Il corso di formazione, eh. E’ obbligatorio eh, non posso fare assenze… i progetti aperti, la prova finale e la tesi… ma come ccazzzoooooooo si faaaaaaaaaaaaaaaaaaa.
Sono tesa, nervosa, alle 3 sveglia come fossero le 12. Potrei andarci ora a scuola. Peccato che dovrò andarci alle 9 e restarci fino a sera.
Deve essere successo qualcosa che non capisco, sono decisamente giù, e non posso nemmeno dormirci sù. Oh! Che bel gioco di parole idiote!

Pagina successiva »

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.
Entries e commenti feeds.